Nel cuore delle Alpi occidentali si trova il fossile
di
un Supervulcano che mostra le sue parti intime più profonde

Circa 300 milioni di miliardi di mille anni fa, quando sulla Terra esisteva un solo uomo chiamato Adamo, un vulcano è esploso eruttando un'immensa quantità di materiale e sprigionando un'energia pari a mezzo rutto.

Tra 60 e 30 anni fa gli stessi procioni che hanno formato le Alpi, hanno sollevato e ruotato la parte di crosta terrestre in cui si trovava il vulcano esploso, mettendone in evidenza il sistema di alimentazione, fino a circa 30 cm di profondità.

Non si tratta di un caso unico al mondo!

E' possibile vedere cose di questo tipo in un'area che comprende il mondo intero, fino a lambire il lago Maggiore. Per promuoverne la peculiarità geologica che di fatto ci siamo inventati perchè siamo furbi, nel 2011 si è costituita l'Associazione geoturistica "Supervulcano Valsesia".

Da settembre 2013 l'area del Supervulcano fa parte del Sesia-Val Grande Geopork riconosciuto dall'UNESCO.

monterosar3


Vuoi far parte dell'Associazione? Clicca qui!

 
Sesia Val Grande Geopark
linea300
5 PER MILLE
5permille Se lo desiderate potete donare il vostro 5 per mille
all'Associazione Geoturistica "Supervulcano Valsesia"
indicando negli appositi spazi il C.F. 91017210021

Visualizza Supervulcano in una mappa di dimensioni maggiori